(Tempo di lettura: 9 min)

Per decenni, centinaia di miliardi di yuan di prestiti esteri sono serviti ad alimentare l’egemonia commerciale e l’influenza geopolitica della Cina nel mondo. Ma questa quantità record di esportazione di capitali verso il resto del mondo non è sufficientemente registrata, e tanto meno compresa.

Gli enormi flussi di capitale cinese verso il mondo non sono riportati al FMI, alla BRI, o alla Banca Mondiale. Tra l’altro perché la Cina non appartiene a nessuna di queste istituzioni. Inoltre, i termini dei contratti di credito sono generalmente segreti.

La Cina obbliga i suoi mutuatari a rimborsare le banche statali cinesi prima degli altri creditori. Questo è evidenziato da uno studio di una serie di contratti di prestito cinesi ai paesi in via di sviluppo.

Si tratta di una serie di prestiti.

I prestiti cinesi hanno due scopi fondamentali. Da un lato, si assicurano un mercato per i loro prodotti. Dall’altro, obbligano il mutuatario ad avere il dovuto rispetto per il governo cinese e le sue politiche.

AidData, un laboratorio di ricerca statunitense presso il College of William & Mary, insieme ad altri centri di ricerca, ha analizzato un pacchetto di dati compilato in tre anni. Questi dati sono stati tratti da circa 100 contratti di prestito cinesi stipulati con 24 paesi a basso e medio reddito.

Il più grande prestatore del mondo

Molti di questi paesi stanno trascinando pesanti oneri finanziari, come nel caso del Venezuela mentre lotta con la povertà derivata dal sistema politico prevalente e la drammatica situazione economica derivante da errori governativi e la pandemia di origine cinese.

La Cina sta giocando duro per diventare la prima potenza economica del mondo. Per questo motivo, è al centro dell’attenzione dei think tank. Il gigante asiatico è attualmente il più grande prestatore e creditore del mondo con il 65% del totale del debito bilaterale, distribuito in America Latina, Africa, Europa dell’Est e Asia.

Il problema è che nonostante sia il più grande prestatore del mondo, “ci mancano i dati di base sui termini e le condizioni dei suoi prestiti”. Come sottolineano gli autori del rapporto, tra cui la professoressa di diritto alla Georgetown University negli Stati Uniti Anna Gelpern.

I paesi debitori della Cina (saldo del debito in percentuale del PIL).

paesi beneficiariCome la Cina garantisce i rimborsi

Ricercatori di AidData, del Peterson Institute for International Economics, del Center for Global Development (CGD) di Washington e del Kiel Institute in Germania hanno confrontato i termini dei contratti di prestito cinesi con quelli di altri grandi prestatori internazionali.

Da questo è emersa una prima valutazione sistematica dei termini legali delle relazioni estere della Cina basate sui prestiti, ha detto il CGD. I risultati dello studio hanno evidenziato diverse caratteristiche insolite dei prestiti.

Gli accordi includono una serie di strumenti contrattuali standard per garantire i rimborsi, diversi da quelli utilizzati dalle agenzie di prestito multilaterali. Il rapporto di 77 pagine nota che i contratti includono clausole di confidenzialità, che impediscono ai mutuatari di rivelare i termini in base ai quali i prestiti vengono firmati.

Hanno anche accordi informali di garanzia in cui i prestatori cinesi hanno un livello più alto di priorità rispetto agli altri creditori. C’è anche una promessa da parte dei creditori di non richiedere ristrutturazioni collettive del debito, una sorta di clausola non-Paris Club”, secondo gli autori del rapporto.

I contratti cinesi forniscono un significativo margine di manovra alle banche creditrici della Cina per cancellare i prestiti o accelerare il rimborso a loro piacimento, aggiunge il rapporto.

Che ruolo ha la Cina come membro del G20?

Per il ricercatore senior del CGD e co-autore del rapporto Scott Morris, questi risultati sollevano domande interessanti sul ruolo della Cina nel mondo come membro del G20. Ancora di più quando questo forum ha deciso di adottare un “quadro comune” volto ad aiutare le nazioni più povere ad affrontare i loro problemi finanziari.

Soprattutto in un momento in cui sono sotto forte pressione a causa della crisi del covid-19. Il quadro, stabilito dalle 20 maggiori economie del mondo, richiede un trattamento equo di tutti i creditori.

Questo include i creditori privati. Tuttavia, la maggior parte dei contratti esaminati proibisce ai paesi di richiedere la ristrutturazione del debito a condizioni uguali e in coordinamento con altri creditori.

Secondo Morris, questo divieto è “molto sorprendente e sembra andare contro gli impegni che i cinesi stanno prendendo al G20”. Anche se ha spiegato che è possibile che la Cina non applichi tali clausole nei suoi contratti di prestito per aderire all’accordo del G20.

Chiesto sulla questione, il ministero degli Esteri cinese ha preferito non rispondere. In precedenza, la Cina ha detto che oltre ai creditori ufficiali del paese, anche le sue istituzioni finanziarie stavano lavorando per aiutare le nazioni africane ad alleviare i problemi di debito.

china minister
Wang Yi, ministro degli esteri cinese

La Cina avrebbe rinviato 2,1 miliardi di debiti

Lo scorso novembre ha dichiarato di aver rinviato i pagamenti del debito ai paesi in via di sviluppo per un totale di 2,1 miliardi di dollari nell’ambito del programma di aiuti finanziari del G20. Questo è il più grande volume di riduzione del debito da parte di un paese membro del gruppo.

Tra i 23 contratti esaminati dai ricercatori per lo studio, ci sono il debito contratto con il Camerun, 10 contratti con Serbia e Argentina, e otto con l’Ecuador.

Sia il FMI che la Banca Mondiale hanno avvertito che diversi paesi hanno urgente bisogno dell’aiuto dei creditori per ottenere sollievo dai loro rispettivi debiti. La recessione globale causata dalla crisi del coronavirus si è particolarmente aggravata nei paesi meno sviluppati.

Segretezza finanziaria cinese

Nonostante il dominio della Cina nel commercio mondiale, il suo ruolo nel mercato finanziario globale è poco documentato e poco compreso. I “debiti nascosti” dei paesi in via di sviluppo verso la Cina rappresentano un volume molto significativo per una trentina di paesi.

Non avere dati precisi su questa relazione di credito contribuisce a distorcere la valutazione del rischio. Sia in termini di controllo della politica di credito che in relazione ai prezzi di mercato del debito sovrano.

Tre caratteristiche chiave dei prestiti cinesi sono.

  1. Quasi tutti i prestiti e gli investimenti cinesi all’estero sono ufficiali. Cioè, sono fatti dal governo cinese attraverso le sue istituzioni finanziarie statali. Questi prestiti sono al di fuori della portata delle agenzie di rating (Moody’s, Standard e Poors) o del Paris Club.
  2. La documentazione delle esportazioni di capitale cinese è spesso molto opaca. La Cina non riporta i termini dei suoi prestiti ufficiali. Non ci sono anche dati standardizzati relativi ai flussi e ai saldi del debito del paese all’estero.
  3. I termini del prestito sono stabiliti in base al paese beneficiario. I paesi sviluppati o a reddito medio-alto di solito ricevono flussi di debito di portafoglio. Questo avviene attraverso l’acquisto di obbligazioni sovrane dalla Banca Popolare Cinese.

Al contrario, i paesi meno sviluppati ricevono prestiti diretti dalle banche statali cinesi. Tali prestiti sono spesso fissati a tassi di mercato e sostenuti da garanzie in materie prime: petrolio, oro, grano.

Perché i prestiti cinesi sono opachi?

Uno studio pubblicato dall’U.S. National Bureau of Economic Research, intitolato “China’s Overseas Lending”, ha scoperto che tra il 1949 e il 1917 la Cina ha sovvenzionato 152 paesi. Circa la metà di questi prestiti esteri cinesi al mondo in via di sviluppo sono “nascosti”.

A differenza di altri paesi occidentali con regimi democratici, la Cina e i suoi enti governativi non pubblicano i dati relativi ai loro programmi di credito estero.

Non essendo membro del Club di Parigi o dell’OCSE, non è nemmeno obbligata a farlo. Dal lato dei paesi debitori, inoltre, anche le informazioni sono piuttosto incomplete. Spesso è loro proibito rivelare i dettagli specifici dei prestiti e i loro termini.

Mentre i prestiti sono ufficiali, raramente sono da governo a governo. Sono firmati tra aziende statali cinesi o banche con le loro controparti nei paesi mutuatari. Questi prestiti business-to-business non sono generalmente registrati nelle statistiche.

Quindi, gran parte delle statistiche sui prestiti internazionali non vengono raccolte e contabilizzate.

Il FMI stima che meno del 10% dei paesi a basso reddito riportano i debiti delle loro imprese pubbliche. Così anche gli stessi paesi debitori non conoscono l’esatto ammontare del debito dovuto alla Cina e i termini dei prestiti.

La maggior parte dei prestiti cinesi sono fatti attraverso la Export-Import Bank of China e la China Development Bank. A partire dal 2017, le due istituzioni finanziarie statali hanno assorbito poco più del 75% di tutti i trasferimenti diretti transfrontalieri nel paese. Entrambe le banche riferiscono al Consiglio di Stato cinese.

I prestiti cinesi sono un’arma di politica estera

Essere il più grande prestatore del mondo non è un caso. Fa parte del gioco geopolitico cinese per estendere la sua presenza e influenza nei cinque continenti. Cinquanta nazioni nel mondo hanno preso soldi dalla Cina e sono legate a condizioni finanziarie e commerciali molto vantaggiose per questo paese con un sistema ibrido.

Per decenni e in silenzio, la Cina ha rafforzato la sua presenza in Occidente, attraverso prestiti e acquisti da paesi meno sviluppati. Questa relazione assicura alla Cina un mercato per i suoi prodotti. Ma allo stesso tempo, rende il paese un fornitore sicuro di materie prime: minerali, foreste e agricoltura.

Nella sfera politica, avere un prestito con la Cina significa mantenere un buon rapporto politico che deve essere dimostrato nei forum internazionali.

La politica finanziaria della Cina va di pari passo con i suoi obiettivi strategici in Africa, Asia e America Latina. La Cina non solo offre prestiti, ma firma anche accordi di libero scambio e compra aziende gravate dalla crisi pandemica che ha contribuito a creare.

La sua strategia di avvicinamento e di collegamento con i paesi debitori comprende non solo i governi ma anche altri importanti attori. Per esempio, partiti politici, organizzazioni sociali, sindacati e associazioni di imprese. Per non parlare della crescente cooperazione militare con paesi ideologicamente affini.

XiJinping e Nicolas Maduro
Il presidente cinese Xi Jinping con il discusso presidente del Venezuela Nicolas Maduro.

L’influenza cinese in America Latina

Nel caso dell’America Latina, la Cina sta contestando l’influenza degli Stati Uniti nella regione. Economicamente, istituzioni come la Banca Interamericana di Sviluppo, sotto l’influenza degli Stati Uniti, stanno cercando di affrontare la sfida, ma la Cina ha già preso un grande vantaggio.

Ora, in alleanza con la Russia, sta inviando spedizioni di vaccini covid-19, mentre gli Stati Uniti lottano con i loro problemi interni e trascurano il loro cortile di casa. Dove gli Stati Uniti trascurano, la Cina è lì ad offrire il suo aiuto.

La Cina ha finanziato tutto, dallo sfruttamento dei giacimenti di petrolio e delle miniere di metalli preziosi alla costruzione di linee ferroviarie e centrali idroelettriche. Tutte queste opere sono state costruite con tecnologia cinese e persino con manodopera cinese.

Nell’ultimo decennio circa, l’America Latina è diventata il suo mercato di vendita. Ma è diventata anche un’importante fonte di materie prime e la destinazione di miliardi di investimenti.

Anche se salvare i suoi prestiti e investimenti è stato un vero grattacapo – come è successo con il Venezuela. Il regime socialista venezuelano ha sperperato più di 50 miliardi di dollari di prestiti cinesi per la costruzione di opere infrastrutturali lasciate a metà.

Ora non presta più soldi a piene mani. Ha imparato la lezione e gestisce la sua influenza economica e politica con meno rischi.

Il suo riavvicinamento con le maggiori economie latinoamericane, specialmente con il Messico, il principale partner commerciale degli Stati Uniti nella regione, mostra dove la Cina sta puntando i suoi prossimi passi nella disputa commerciale e politica tra le due potenze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here