(Tempo di lettura: 3 min)

General Motors Company (GM) ha investito milioni di dollari in una società statunitense che sviluppa software per sensori radar utilizzati in auto autonome: Oculii.

La casa automobilistica sarà in grado di utilizzare il software di Oculii per migliorare la risoluzione del radar e per estendere la sua gamma di auto parzialmente e completamente automatizzate.

Steven Hong, laureato all’Università di Stanford e co-fondatore di Oculii con suo padre, Lang Hong, ha detto Reuters che il finanziamento di GM è una garanzia che stanno prendendo sul serio la tecnologia e sono ottimisti sull’uso di questo tipo di radar ad alta risoluzione.

Tesla, d’altra parte, ha rimosso i sensori radar di questa classe dai nuovi veicoli del 2021, quindi le domande sulla sicurezza e le prestazioni del suo moderno sistema di assistenza alla guida sono riemerse.

I radar hanno la funzione di misurare la distanza tra gli oggetti e di permettere a un veicolo di accelerare o frenare per livellare la sua velocità con quella dell’auto davanti. Si comportano bene anche quando il tempo e l’illuminazione sono sfavorevoli.

general motorsTesla sta andando in una direzione diversa da GM (per ora)

Elon Musk, il fondatore di Tesla, ha detto che i sensori aggiunti, come questi radar sviluppati da Oculii, sono “stampelle”, mettendo in chiaro che il marchio californiano sta puntando su telecamere più economiche e sull’intelligenza artificiale nei suoi sistemi di guida automatica.

Hong ha detto di essere d’accordo con le parole di Andrej Karpathy, capo dello sviluppo di Tesla, sulle carenze dei radar tradizionali. Karpathy aveva detto qualche mese fa che i radar spesso fanno misurazioni senza senso dell’ambiente circostante, il che influisce sul sistema di visione.

Hong ha inoltre notato che questo radar ha una bassa risoluzione e fa “troppo rumore”. I radar ad alta risoluzione contribuiscono a telecamere e sensori aggiuntivi quando hanno qualche errore, cioè danno una sicurezza in più.

Infine, ha detto che credono che l’azienda di Musk inizierà ad usare i radar quando i prezzi saranno più bassi. Ha concluso dicendo: “Non ci penseranno troppo”.

Tesla Elon MuskLo sviluppo delle auto autonome

Con la modernizzazione della tecnologia, gli analisti e le case automobilistiche hanno iniziato a incorporare alcuni movimenti autonomi nei veicoli, sia per il controllo della velocità o per l’assistenza al conducente nel parcheggio.

C’è una grande varietà di auto autonome, ma il solito è usare il 2016 determinato dalla SAE International, in cui ci sono sei livelli.

Il livello zero è quando l’auto non ha autonomia e il livello uno è quando il sistema ha il cruise control.

Fino al livello due, il conducente deve usare manualmente il volante.

Al livello tre, l’autonomia cresce fino al livello cinque. Al livello sei, l’auto si guida da sola in ogni momento.

Anche se ci sono un certo numero di auto con diversi livelli di autonomia sulla strada, sono progettate per avere un guidatore umano alla guida quando necessario.

L’anno scorso, la società statunitense di sviluppo della tecnologia di guida autonoma Waymo ha rilasciato a Phoenix dei taxi robot che sono utilizzati da persone e non c’è un autista umano.

Il futuro della tecnologia autonoma

Mentre i sensori e il software continuano a svilupparsi, il futuro delle auto autonome è ancora sconosciuto. Gli esperimenti con veicoli di livello cinque sono appena iniziati.

All’inizio del 2021, la società giapponese Honda ha messo in vendita la prima auto di livello tre (in modalità leasing). Quest’auto ha la capacità di guidare in un ingorgo e quando la strada è libera, anche se può chiedere al conducente umano di prendere il controllo. Resta da vedere se altri veicoli come questi saranno immessi sul mercato e se la gente li comprerà.

Rimane da definire le questioni relative alla responsabilità per gli incidenti o la modalità di adattamento degli assicuratori automobilistici per le auto robot. Inoltre, si può fare un’analisi sull’adattamento o meno di strade e percorsi per questi sistemi con radar, telecamere e altri sensori utilizzati per catturare la posizione e l’ambiente circostante (altri veicoli, pedoni, segnali, ecc.).

Per analizzare il futuro delle auto autonome, dobbiamo prima considerare se le persone potrebbero adattarsi all’uso di queste auto e se le vorrebbero guidare completamente da sole.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here