(Tempo di lettura: 4 min)

Negli ultimi giorni, il valore dell’alluminio si è impennato e il prezzo per tonnellata ha raggiunto i 3.000 dollari al London Metal Exchange, una cifra che non si raggiungeva dal 2008, a causa dei tagli alla produzione in Cina e della situazione politica in Guinea, un paese importante nella produzione di questo metallo utilizzato principalmente nell’industria delle costruzioni e dei trasporti.

“Il prezzo ha raggiunto questo livello mercoledì 15 settembre, a causa della carenza di carbone”, commentano gli specialisti sulla situazione del minerale usato come fonte di energia.

“Probabilmente la mancanza di carbone in Cina aumenterà per tutto il quarto trimestre, a causa dell’inverno e delle basse temperature. Questa situazione continuerebbe ad aumentare il prezzo dell’alluminio”, hanno aggiunto.

Il governo cinese ha chiesto alle fonderie di tagliare la produzione per ridurre il consumo di elettricità, anche se i progetti statali di investimento in infrastrutture stanno guidando la domanda.

“I rischi politici pesano molto sull’alluminio proveniente dalla Cina e anche dall’Europa”, dicono gli esperti dell’investment banking e della società di titoli Goldman Sachs in un rapporto.

Avvertono che un’altra ragione per l’aumento del prezzo dell’alluminio è il valore dell’elettricità e anche le tasse imposte sul carbone nell’Unione Europea.

D’altra parte, la domanda di questo metallo è aumentata anche perché il consumo è aumentato nel post-pandemia, proprio come ha fatto il consumo di altri metalli e materie prime.

Inoltre, ci sono altre ragioni che hanno fatto salire il prezzo dell’alluminio, come gli scioperi di un produttore canadese e gli incendi che hanno colpito la produzione di una fonderia in Giamaica, secondo Daniel Briesemann, esperto della banca tedesca Commerzbank.

aluminum
Un anno di prezzi dell’alluminio. Investire.

La colpa è anche della Guinea

La preoccupante situazione politica in Guinea, uno dei principali produttori mondiali di bauxite, chiave per la produzione di alluminio, crea un po’ di agitazione nel mercato, tuttavia, “la produzione e l’andamento delle esportazioni continuano allo stesso modo per il momento e la paura potrebbe essere esagerata”, dice Commerzbank.

Questa attività ha rappresentato circa il 15% del prodotto interno lordo (PIL) del 2020 e circa l’80% delle esportazioni della Guinea, secondo un rapporto macroeconomico della Banca Mondiale.

La Guinea, un paese situato nell’Africa orientale e che ospita circa 13 milioni di persone, ha circa 7,4 miliardi di tonnellate di bauxite, secondo le stime dell’U.S. Geological Survey basate sui dati dello scorso anno.

Questa cifra rappresenta un quarto delle riserve mondiali di bauxite.

Secondo quanto riferito, ci vogliono più di quattro tonnellate di bauxite per produrre una tonnellata di alluminio, che produce due tonnellate di allumina.

Quasi il 50% della bauxite importata dalla Cina proviene dal paese africano, secondo i dati della società di consulenza globale CRU, una cifra che è aumentata a causa della diminuzione della quantità e della qualità delle proprie riserve.

Dopo il colpo di stato in Guinea, la giunta ha comunicato che la produzione di bauxite continuerà e che le scadenze e gli impegni concordati con i partner del paese saranno rispettati.

Gli autori del colpo di stato hanno riferito che si incontreranno in settimana con politici, civili e rappresentanti dell’industria mineraria del paese per stabilire un progetto di governo.

Industria dell’alluminio: I problemi sono appena iniziati

È praticamente impossibile che i conflitti che il mercato dell’alluminio sta attraversando, soprattutto nella fornitura di minerali essenziali per la sua produzione, e che hanno fatto salire il suo prezzo a un livello record, si risolvano nei prossimi giorni.

Questo è stato comunicato da produttori e consumatori durante la più grande assemblea dell’alluminio in Nord America, che ha avuto luogo la settimana scorsa.

Il prezzo di questo metallo è aumentato di quasi il 50% nel 2021 a causa dell’aumento della domanda, dei problemi nella catena di approvvigionamento e della carenza di carbone in Cina. Questa situazione ha aumentato la preoccupazione dei produttori che usano l’alluminio come input principale, perché è scarso e il prezzo è molto alto.

Secondo diversi attori dell’assemblaggio dell’alluminio, il problema della catena di approvvigionamento rimarrà almeno per tutto il 2022 e forse ci vorranno circa 5 anni per risolverlo.

Le catene di approvvigionamento di tutto il mondo, che usano i container come sistema di trasporto, stanno lottando con l’aumento della domanda e l’interruzione del lavoro causata dalla pandemia.

Le ragioni dell’aumento del prezzo dell’alluminio sono anche la mancanza di lavoratori nelle fabbriche di alluminio e la disponibilità limitata di camionisti per la distribuzione dell’alluminio.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here