(Tempo di lettura: 6 min)

Il co-fondatore di Amazon Jeff Bezos ha annunciato il suo ritiro come CEO della società entro la fine di quest’anno. Ma prima ha voluto scrivere un’ultima lettera indirizzata ai suoi azionisti, dipendenti e clienti. In essa, offre almeno tre consigli sulla sua esperienza nella mega azienda tecnologica.

Nella missiva finale, l’uomo più ricco del mondo fa anche una serie di riflessioni su ciò che l’azienda ha rappresentato negli ultimi 24 anni. Con un acuto senso critico, Bezos passa in rassegna tutti i successi, i fallimenti e le preoccupazioni che ha avuto alla guida di Amazon da quando l’azienda è stata quotata in borsa nel 1997.

Come fa ogni anno quando riunisce tutti coloro che possiedono azioni Amazon, il magnate della tecnologia presenta una visione audace di come immagina la sua azienda. Abbozza nelle sue parole ciò che l’azienda dovrebbe essere nei prossimi anni. Ma riflette anche sulla vita e sulla conservazione del pianeta.

Ecco perché la sua lettera di ogni anno è così attesa, e ancora di più questa in cui delinea il suo futuro. Anche se qui parla di dire addio alla gestione quotidiana dell’azienda per concentrarsi sulla creazione, perché “Sono un inventore. È quello che mi piace di più e che mi riesce meglio.”

Come nelle lettere precedenti Bezos si concentra principalmente sul cliente e sulla missione dell’azienda.“Devi creare più di quello che consumi”, dice Bezos. Aggiunge, “Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di creare valore per tutte le persone con cui interagisci.”

“Il fatto è che il grande team di migliaia di persone che guidano le operazioni in Amazon si è sempre preoccupato profondamente dei nostri dipendenti, e siamo orgogliosi dell’ambiente di lavoro che abbiamo creato”, dice Bezos.

Di fronte alle critiche dei dipendenti delle consegne e dei sindacati, egli afferma più volte nella sua lettera che Amazon è “il miglior datore di lavoro sulla Terra e il posto più sicuro dove lavorare”.I dipendenti dell’azienda si sono lamentati del troppo lavoro. Al punto da dire che devono urinare nelle bottiglie per risparmiare tempo.

Finalmente Jeff Bezos si permette di dare qualche consiglio a Andy Jassy che subentrerà come CEO di Amazon. Sottolinea che “è un lavoro duro con molte responsabilità”. Ma sottolinea che “Andy è brillante e ha i più alti standard. Vi garantisco che Andy non lascerà che l’universo ci renda tipici”

Di seguito evidenziamo i tre consigli di Jeff Bezos:

1. Come avere successo nella vita

Il co-proprietario di Amazon sottolinea nella sua ultima lettera che per avere successo negli affari e nella vita bisogna “creare di più di ciò che si consuma”. Sottolinea che non bisogna perdere di vista il fatto che “l’obiettivo dovrebbe essere quello di creare valore per tutti coloro con cui si interagisce.”

A questo proposito, fa una previsione basata sulla sua esperienza di imprenditore. Se non si crea valore per i clienti, i dipendenti e gli azionisti, “anche se sembra che tu abbia successo in superficie (l’azienda), non durerai in questo mondo”.

Secondo Bezos, tutti in qualche modo hanno guadagnato valore dalla sua azienda. Egli riassume questo valore in numeri dicendo che gli azionisti hanno guadagnato 21 miliardi di dollari, i dipendenti 91 miliardi di dollari, i venditori 3P 25 miliardi di dollari e i clienti 164 miliardi di dollari per un totale di 301 miliardi di dollari di profitti.

“Questi numeri sono parte del motivo per cui le persone lavorano per noi, perché i venditori vendono attraverso di noi e perché i clienti comprano da noi. Noi creiamo valore per loro” afferma.

Sostiene che Amazon è “un’azienda che crea valore per tutti” Dice che “non si tratta solo di spostare denaro da una tasca all’altra”, ma di portare qualcosa di più sul tavolo: “l’invenzione è la radice di tutta la vera creazione di valore. E il valore creato è meglio visto come una metrica per l’innovazione.”

2. Avere un segno distintivo

Questo è il secondo consiglio rivolto ai suoi dipendenti, che lui chiama “amazoniani”. Non è altro che la regola base del marketing: “essere diversi”, come insegna l’esperto Philip Kotler. Sottolinea che si aspetta che tutti gli amazoniani prendano a cuore questo consiglio perché è la chiave per la sopravvivenza.

Il miliardario afferma che essere originali e diversi è un valore che tutti riconoscono. Aggiunge che quello che chiede loro di fare quando dà questo consiglio è di “essere realistici su quanta energia ci vuole per mantenere quella distintività”.

Fa notare che il mondo cerca sempre di mantenere le cose come sono, “che sei tipico”, e consiglia: “Non lasciare che accada”. Bezos dice che mentre “Paga essere se stessi”, nessuno dovrebbe credere che lo otterrà “facilmente o gratuitamente”, perché “Dovrai metterci continuamente energia.”

3. Creare valore per i dipendenti

L’altro grande pensiero di Bezos riguarda la sicurezza e la salute dei suoi dipendenti. Sostiene di essere consapevole del problema e di stare lavorando per migliorare gli standard. Senza offrire cifre sulle lesioni fisiche subite dai lavoratori dell’azienda, rivela che circa la metà dei dipendenti feriti sono stati per lesioni muscolo-scheletriche (MSI).

Spiega che questo tipo di traumi, tra i quali cita distorsioni o stiramenti, potrebbero essere causati da movimenti ripetitivi. Il CEO di Amazon indica che gli infortuni si sono verificati generalmente durante i primi sei mesi di lavoro nell’azienda.

Quindi, l’azienda sta sviluppando una strategia volta a creare “nuovi orari automatizzati per il personale”. A tal fine, “sofisticati algoritmi vengono utilizzati per ruotare i dipendenti tra i lavori che utilizzano diversi gruppi muscolari e tendinei.”

Bezos riconosce che “dobbiamo fare un lavoro migliore per i nostri dipendenti”, commentando la contrastata creazione di un sindacato dei lavoratori Amazon a Bessemer, Alabama. Sostiene che “non è a suo agio con il risultato del recente voto del sindacato”. È stato il primo tentativo di sindacato presso l’azienda.

Lettera di Jeff Bezos agli azionisti di Amazon1,3 milioni di persone sul servizio di Amazon

Ha detto che è iniziato un dibattito all’interno dell’azienda sul “modo in cui Amazon tratta i suoi dipendenti”. “Per me è chiaro che abbiamo bisogno di una visione migliore per come creiamo valore per i dipendenti, una visione per il loro successo”, aggiunge.

Il presidente della Retail, Wholesale and Department Store Union (RWDSU) Stuart Appelbaum, che era in prima linea negli sforzi di costruzione del sindacato, ha commentato in una dichiarazione che la campagna e le parole di Bezos rivelano che la reputazione dell’azienda è stata gravemente danneggiata, “indipendentemente dal risultato del voto”.

Per questa ragione, il CEO di Amazon sottolinea nella sua lettera di essere molto orgoglioso dell’ambiente di lavoro dell’azienda che impiega 1,3 milioni di persone in tutto il mondo e solo l’anno scorso ha assunto 500.000 persone. D’altra parte, ha guidato il miglioramento dei salari approvando un aumento del salario minimo di 15 dollari l’ora.

“Se si leggono alcune notizie, si potrebbe pensare che non ci preoccupiamo dei dipendenti”, ha detto Bezos. In quei servizi, i nostri dipendenti sono talvolta accusati di essere anime disperate e trattati come robot. Questo non è accurato. Sono persone sofisticate e premurose che possono scegliere dove lavorare”.

“Creiamo posti di lavoro per persone che non hanno mai avuto questo vantaggio”

Ha sostenuto che un sondaggio tra i dipendenti ha scoperto che “il 94% dice che raccomanderebbe Amazon a un amico come posto di lavoro” “I dipendenti possono fare pause informali durante i loro turni per sgranchirsi, prendere acqua, usare il bagno o parlare con un manager, tutto senza influenzare le loro prestazioni”, ha dettagliato Bezos.

Parimenti, ha difeso gli obiettivi di produttività dell’azienda per i lavoratori. “Non fissiamo obiettivi di performance irragionevoli”, ha detto. Ha proseguito sottolineando che fissano “obiettivi di performance raggiungibili che tengono conto dell’anzianità e dei dati effettivi delle prestazioni dei dipendenti.”

“Amazon è un’azienda che non si limita a creare posti di lavoro per informatici e persone con lauree avanzate. Creiamo posti di lavoro per persone che non hanno mai avuto questo vantaggio”, conclude la lettera d’addio di Jeff Bezos agli azionisti, ai dipendenti e ai clienti di Amazon.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here