(Tempo di lettura: 7 min)

I prezzi al consumo negli Stati Uniti hanno raggiunto a giugno il livello più alto degli ultimi 13 anni. L’escalation dei prezzi è stata guidata dalla crisi degli approvvigionamentie dalla scarsità di materie prime. Con l’avanzare della ripresa economica e l’aumento dei costi dei servizi di viaggio e di trasporto, il loro impatto sull’inflazione è stato sentito dalla gente.

Per esempio, durante la prima metà dell’anno scorso, i prezzi depressi del barile di petrolio hanno permesso agli americani di godere di un gallone di carburante molto economico ($2.200 3.490/gal. Ma, attualmente, il prezzo medio della benzina è di 3,490 USD/ gal.

Secondo il Department of Labor, auto e camion usati rappresentano più di un terzo dell’aumento dell’inflazione. Gli economisti insistono che il picco dei prezzi è transitorio. Credono che avendo raggiunto il picco a giugno, tenderà a diminuire.

Una visione simile è stata espressa dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell per mesi. Gli investitori hanno osservato da vicino i segnali della Fed su qualsiasi cambiamento nella sua politica monetaria ultra-allentata. I recenti timori di un cambiamento di politica hanno fatto salire alle stelle il rendimento del biglietto di riferimento del Tesoro a 10 anni.

Ma quando gli investitori sono stati in grado di dissipare i loro dubbi, le obbligazioni a 10 anni sono scese di nuovo. Powell dovrebbe presentare il rapporto semestrale di politica monetaria al Congresso degli Stati Uniti mercoledì.

Raffreddamento dell’inflazione quest’anno

Per l’economista aziendale della Navy Federal Credit Union di Vienna, Virginia, Robert Frick, “i numeri del CPI di giugno sembravano spaventosi”. Ma ha chiarito che “ancora una volta, vediamo che è stato principalmente l’aumento temporaneo dei prezzi a guidare i numeri”. D’altra parte, ha detto che il “rapporto è coerente con il raffreddamento dell’inflazione nel corso dell’anno”.

Il mese scorso, l’indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,9%. Questa è la più alta cifra di aumento mensile dell’inflazione registrata da giugno 2008. Il mese precedente, l’inflazione è avanzata dello 0,6%. Gli esperti si aspettavano già un aumento dell’IPC dello 0,5%. Durante questo periodo, il prezzo dei veicoli usati è aumentato del 10,5%.

L’industria automobilistica non vedeva un tale aumento dei prezzi dal gennaio 1953. Negli ultimi mesi, l’inflazione è stata guidata principalmente da auto e camion usati. Tale aumento ha raggiunto un record del 45,2% su base annua. La crisi dei microchip e delle materie prime necessarie all’industria hanno diminuito l’offerta di auto nuove.

L’alta domanda di auto usate è quindi venuta a coprire la carenza di auto nuove. La conseguenza diretta sul mercato automobilistico è stato questo drammatico aumento dei prezzi. Le compagnie di autonoleggio stanno facendo pressione sui produttori per rifornire le auto nuove e usate.

Durante la pandemia, i concessionari di veicoli non hanno fatto nuovi ordini all’industria. L’industria non ha anche previsto l’attuale carenza di semiconduttori e i produttori in Asia, Europa e America non hanno fatto provviste. I dati forniti dall’industria automobilistica, tuttavia, suggeriscono che i prezzi delle auto e dei camion usati si raffredderanno presto.

L’inflazione si diffonde ad altri settori

L’aumento dei prezzi non è un fenomeno esclusivo dell’industria automobilistica globale. Ci sono serie indicazioni che l’onda inflazionistica si sta diffondendo oltre i settori più favoriti dalla riapertura economica. A giugno, oltre al carburante più costoso, i consumatori hanno dovuto pagare di più per cibo, affitti e abbigliamento.

Nonostante la visione ottimista della Fed e di molti economisti, non c’è nulla di certo riguardo a una de-escalation dell’inflazione. C’è una pressione costante sulla catena di approvvigionamento da parte dei consumatori. Diversi fattori stanno stimolando la domanda elevata negli Stati Uniti.

In primo luogo, i bassi tassi d’interesse e la vaccinazione di massa contro il covid-19. Poi c’è lo stimolo del governo di quasi 6 miliardi di dollari dall’inizio della pandemia. Essere in grado di uscire per strada senza paura di morire per il virus cinese sta alimentando una rabbia dei consumatori senza precedenti nelle principali città degli Stati Uniti.

Ma se l’inflazione non scende, le critiche alle politiche monetarie e fiscali della Fed pioveranno. La Casa Bianca ha reagito con cauto ottimismo sulla natura transitoria dei prezzi alti. Essa basa la sua previsione sul calo dei futures su alcune materie prime come il legname, l’acciaio e altri beni, i cui prezzi sono aumentati bruscamente all’inizio dell’anno.

L’aumento dei prezzi sarà transitorio?

Dal giugno 2020 al giugno 2021, l’aumento del CPI è stato del 5,4%. Questo aumento dei prezzi non si vedeva dall’agosto 2008, al culmine della crisi finanziaria. Escludendo i settori volatili come l’energia e il cibo, l’indice di inflazione ha accelerato dello 0,9%. Era reduce da un aumento dello 0,7% a maggio.

Il cosiddetto core CPI di giugno è aumentato del 4,5% su base annua. Un aumento di questa portata non si vedeva dal novembre 1991. In maggio, ha avuto un significativo progresso del 3,8%.

Nel frattempo a Wall Street, le azioni hanno avuto una sessione mista martedì. Il dollaro ha guadagnato terreno contro altre valute. Nel frattempo, anche i titoli del Tesoro americano a più lunga scadenza sono aumentati.

La Federal Reserve ha detto che può tollerare un tasso di inflazione più alto per un po’ di tempo a venire. Sostiene che questa politica compensa gli anni in cui l’inflazione era al di sotto dell’obiettivo del 2%. L’anno scorso la banca centrale statunitense ha portato il suo tasso di interesse vicino allo zero.

La sua ulteriore strategia per mantenere il ritmo economico è quella di iniettare denaro nell’economia attraverso acquisti mensili di obbligazioni. Anche se può ancora aspettare prima di cambiare la sua politica, le voci di avvertimento cominciano a farsi sentire alla Fed. Questo è suggerito dai verbali della riunione politica dell’agenzia del 15-16 giugno.

La maggior parte dei funzionari ha visto rischi di alta inflazione. Nonostante il fatto che la Fed non abbia ancora inviato segnali contrari, la sua previsione è di essere pronta ad agire quando necessario.

Il mercato sostiene la posizione della Fed

Il responsabile di JPMorgan New York, Michael Feroli, ha detto che “il fatto che il recente aumento dell’inflazione sia stato dominato da poche categorie dovrebbe dare alla direzione della Fed continua fiducia nella sua visione che si tratta principalmente di un aumento transitorio”. Ha aggiunto che questa visione è condivisa dal mercato.

Finora circa 160 milioni di americani sono stati immunizzati. La domanda di viaggi continua ad aumentare, il che ha portato ad un aumento delle tariffe aeree. Anche le prenotazioni alberghiere sono aumentate. Si ritiene che, sebbene temporanea e per settore, questa escalation dei prezzi continuerà per il resto del 2021.

Molti prezzi dei servizi legati ai viaggi rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemia. Alcuni fattori che stanno spingendo i prezzi verso l’alto sono addirittura destinati a rimanere oltre il 2022. A giugno, i prezzi degli affitti hanno registrato un solido aumento.

Non è escluso che con il ritorno dei lavoratori negli uffici, questo settore vedrà un ulteriore aumento. Se è così, ci sarà un maggiore flusso di persone nelle grandi città e nei centri urbani di tutto il paese.

Conta la percezione dei consumatori e delle imprese

Un altro fattore che spinge verso l’alto i prezzi è la carenza di lavoratori. Nonostante il fatto che ci siano ancora milioni di americani “disoccupati”. Lo stimolo ha fatto sì che milioni di lavoratori non tornassero ai loro vecchi lavori per raccogliere l’assistenza del governo.

Ma la maggior parte degli stati sta concludendo la politica, che termina ufficialmente a settembre. Nelle prossime settimane e mesi, il ritorno dei lavoratori nelle fabbriche e nelle imprese dovrebbe accelerare.

Molti lavoratori non hanno potuto tornare al lavoro perché i servizi di assistenza all’infanzia non erano disponibili per i loro figli. Allo stesso modo, la pandemia ha costretto altri ad andare in pensione anticipata, riducendo ulteriormente la forza lavoro.

Le aziende hanno trovato necessario aumentare i salari per incoraggiare i lavoratori a tornare. Questi aumenti sono anche un fattore inflazionistico. Quindi, non è facile prevedere che “tutto tornerà alla normalità in pochi mesi”.

Così avverte il professore di economia e finanza della Loyola Marymount University di Los Angeles, Sung Won Sohn. “Gli affitti non rimarranno addomesticati una volta che le restrizioni governative sugli sfratti finiranno. La carenza di alloggi continuerà a far salire gli affitti”.

Alcuni analisti credono che il ritmo dell’inflazione sarà alla fine determinato dalle percezioni dei consumatori e delle imprese. In effetti, l’alta inflazione è già parte delle aspettative di entrambi i fattori economici. In passato, tali aspettative hanno portato a forti pressioni sui prezzi.

Tutti sono fiduciosi che le previsioni della Fed siano corrette.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here