(Tempo di lettura: 4 min)

L’ex presidente Donald Trump ha portato la sua lotta con tre grandi aziende tecnologiche nei tribunali statunitensi. Avrà un impatto sulle azioni?

Lo ha fatto intentando cause legali che gli esperti legali dicono che è molto probabile che falliscano, anche quando ha il sostegno degli elettori repubblicani, dei raccoglitori di fondi aziendali e dei donatori individuali.

Trump ha detto questa settimana in una conferenza stampa che le cause sono contro Facebook, Twitter, e Google (specialmente YouTube), così come i loro rispettivi CEO e top decision-maker – Mark Zuckerberg, Jack Dorsey, e Sundar Pichai. Il processo avverrà attraverso una class action.

L’ex presidente degli Stati Uniti ha una lunga storia di minacce di azioni legali, ma non sempre le porta a termine.

In questo caso, l’annuncio è stato fatto al suo golf club a Bedminster, New Jersey. Lo ha fatto con altri leader che hanno fatto parte dell'”America First Policy Institute”, il gruppo non profit creato per sostenere le cause legali.

Poco dopo la fine della conferenza stampa, le entità politiche di Trump hanno cominciato a inviare messaggi di appello per la raccolta di fondi e richieste di denaro. 

Uno di questi messaggi di testo (SMS), era scritto come se fosse stato scritto da Donald Trump stesso e includeva un link al suo comitato congiunto di raccolta fondi “Save America”, che raccoglie anche denaro per altre iniziative politiche del Partito Repubblicano.

Nel mirino di Trump

Le cause sono state rilasciate 30 giorni dopo che la rete di Zuckerberg ha deciso di mantenere sospeso l’account di Trump sulla piattaforma più popolare al mondo per un certo numero di utenti, Facebook. Così sarà, almeno, fino al gennaio 2023.

Twitter, nel frattempo, il social network preferito da Trump, ha cancellato l’account dell’ex presidente nel gennaio 2021 e ha detto che questa situazione sarà permanente.

È stato dopo i disordini davanti al Campidoglio perpetrati da un gruppo di sostenitori di Trump.

La causa contro Pichai, il leader di Alphabet, fa particolare menzione di YouTube, il sito di video acquistato da Google nel 2006. YouTube ha bandito indefinitamente Trump all’inizio del 2021.

Trump ha detto che non vuole raggiungere un accordo quando gli è stato chiesto dai giornalisti se questo fosse l’obiettivo.”“Non sappiamo cosa succederà, ma non vogliamo un accordo di nessuna natura”, ha aggiunto il controverso magnate.

Cosa dicono le cause

Le tre cause sono collegate e sono state presentate in tribunali federali in Florida. Dicono che i giganti della tecnologia hanno violato i diritti contenuti nel primo emendamento.

L’obiettivo è che i tribunali ordinino alle compagnie di social media di reintegrare gli account di Trump, in modo che possa tornare sulle piattaforme.

Chiedono anche alla corte di dichiarare che la sezione 230 del Communications Decency Act, una regola che vieta alle aziende tecnologiche di avere responsabilità per ciò che gli utenti pubblicano, è una regola incostituzionale.

Già quando era presidente, Trump ha inveito contro la sezione 230 di quella legge e ha ripetutamente chiesto che fosse abrogata.

Inoltre, si è spinto a collegare la questione a una serie di controlli lanciati quando la pandemia di coronavirus cominciava a colpire e quando si cercava di far passare un disegno di legge sulle spese militari per la difesa.

Cosa succederà alla domanda e alle scorte?

Gli studiosi legali statunitensi dubitano che questo attacco di Trump alle grandi aziende tecnologiche avrà successo.

“La mia comprensione è che la causa non ha praticamente nessuna possibilità”, ha spiegato alla CNBC uno specialista di diritto della Vanderbilt University, Brian Fitzpatrick.

Il problema è che le piattaforme tecnologiche sono organizzazioni private, non istituzioni governative, quindi la richiesta di violazioni della Costituzione non può essere sostenuta così facilmente, ha detto Fitzpatrick.

D’altra parte, gli analisti dicono di non essere convinti dall’argomento nelle cause che le aziende dovrebbero essere trattate come governo a causa della loro condotta, compreso il presunto coordinamento con i team del presidente eletto, Joe Biden.

Per molti analisti, questa è solo una campagna di marketing e pubbliche relazioni che non andrà in tribunale. Per di più, alcuni sostengono che potrebbe finire con una sorta di sanzione contro gli avvocati per aver presentato una causa infondata.

L’avvocato che rappresenta Trump nelle cause, Matthew Lee Baldwin, ha rifiutato di discutere la questione quando gli è stato chiesto. Né avrebbe dato dettagli su quando la causa si sarebbe concretizzata nei tribunali della Florida.

Azioni di Facebook, Twitter e Google

Wall Street non ha sentito l’impatto della notizia. Le azioni di Facebook erano piatte dopo l’annuncio, così come le azioni di Google. Infatti, entrambi sono stati più alti della media S&P 500 nei giorni seguenti.

Qualcosa di simile è successo con Twitter, che è stato stabile nelle ultime sessioni di Wall Street.

L’annuncio è arrivato lo stesso giorno in cui il quotidiano britannico The Guardian ha riferito che il libro “Frankly, We Won This Election”, su Donald Trump, contiene elogi dell’ex presidente degli Stati Uniti per Adolf Hitler. Trump avrebbe detto a un assistente: “Beh, Hitler ha fatto una serie di cose molto buone.”Wall-Street.

Trump, nel frattempo, ha negato di averlo detto, secondo l’autore del libro, il giornalista del Wall Street Journal Michael Bender.

Per gli aiutanti di Trump, questa è una fake news. 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here